I primi Consigli della classe

E alla fine son partiti!
Nel mese di gennaio le prime medie coinvolte nel progetto “Classi democratiche e cooperative” hanno messo a frutto quanto sperimentato in autunno e hanno preso confidenza con la gestione dei propri Consigli della classe.

Nel corso del primo incontro sono stati sorteggiati i primi gruppi di Presidenza che rimangono in carica 4 riunioni e sono stati approvati i rispettivi regolamenti. Alcune classi hanno avuto bisogno di ben 2 incontri per riuscire a discutere a fondo e votare le regole del loro Consiglio.

Nei primi 4 incontri i tempi sono stati un po’ più dilatati per la necessità di prendere confidenza e gestire il lato formale della riunione. I gruppi di Presidenza hanno comunque assolto i loro compiti in maniera egregia e gli interventi di supporto, miei e degli insegnanti, sono andati rapidamente diminuendo.

Dopo 8 incontri, rinnovati i gruppi di Presidenza, come concordato il mio compito all’interno delle classi si è esaurito e da ora in poi i gruppi classe sono in grado di padroneggiare bene la gestione del Consiglio e di discutere in modo democratico.

Nel corso di questi 8 incontri di avvio dei Consigli ho assistito ad alcune dinamiche comuni nei 4 gruppi comunque diversi (ogni gruppo per definizione è unico nelle sue dinamiche interne). Quelle che vorrei sottolineare qui sono le seguenti:

  • i gruppi di Presidenza hanno tutti sviluppato un efficace spirito di collaborazione nel rispetto dei singoli ruoli,
  • i consiglieri hanno riconosciuto l’importanza del lavoro del gruppo di Presidenza e non lo hanno mai delegittimato,
  • i regolamenti sono stati discussi articolo per articolo in modo approfondito, sempre,
  • le critiche nel corso delle discussioni hanno inizialmente stentato ad assumere uno spirito costruttivo, ma ne è stata colta l’importanza e negli ultimi incontri la presidenza o i consiglieri hanno ricordato nel corso discussione di arrivare a proposte costruttive,
  • pur essendo state discusse e approvate molte proposte, i gruppi hanno avuto difficoltà ad individuare una modalità per dar loro seguito. In questi casi sono stati utili le/gli insegnanti-consiglieri che hanno potuto proporre ai gruppi modalità efficaci,
  • tutti i gruppi classe hanno scritto a preside o vicepreside per chiedere miglioramenti legati agli spazi scolastici e hanno ricevuto risposta,
  • le/gli insegnanti – dopo i primi Consigli in cui erano un po’ incerti sul proprio ruolo e sulle modalità di intervento – hanno partecipato sempre più, utilizzando le modalità discusse negli incontri formativi, che vanno dall’osservazione all’intervento per contribuire alla discussione, fino al supporto alla conduzione del gruppo di presidenza nei momenti di difficoltà.

Questi sono solo alcuni aspetti che sottolineo, ma la realtà dei Consigli di classe è stata molto più ricca, le classi si sono coinvolte molto e i temi proposti e discussi sono andati dalla vita scolastica agli spazi, dai contrasti interni al gruppo alla soluzione di problemi legati ai materiali didattici. Gli animi ogni tanto si sono scaldati, ma i gruppi sono riusciti a ricondurre le discussioni in una dimensione più tranquilla, sia grazie alle formalità da seguire che – in alcuni casi – all’intervento mio o degli insegnanti.

Tra un mese svolgeremo il primo incontro di monitoraggio con gli insegnanti.

Marco Fiamin – Educatore